Logo header

La nostra conoscenza del machinery e i trend del settore

25 luglio 2016

Torna alla Lista
Data di pubblicazione: 25 luglio 2016

4.600 imprese iscritte a Federmacchine, 180.000 persone impiegate e un fatturato di quasi 37 miliardi di euro, questa la fotografia del settore machinery in Italia. Ma quali sono le tendenze economiche e i motivi principali per cui i professionisti cambiano lavoro?

Diamo una panoramica di settore.

Il machinery è un settore molto vasto che comprende aziende che si occupano della progettazione e realizzazione di macchine, impianti, componentistica e automotive. E’ sicuramente uno dei punti di forza della nostra economia nazionale, l’Italia infatti conta il 25% delle imprese europee anche se le dimensioni sono in media più piccole rispetto ai concorrenti del vecchio continente.

I nostri elementi distintivi sono sicuramente flessibilità, creatività, innovazione e un’assistenza tecnica e manutentiva di rilievo. Riusciamo a soddisfare le esigenze dei clienti a livello internazionale grazie ad elevati standard tecnologici e ad una forte propensione alla personalizzazione del prodotto.

 

Qualche numero.

4.600 aziende iscritte a Federmacchine, un fatturato di quasi 37 miliardi di euro pari al 2,3% del nostro PIL e un export che pesa il 71% oltre-confine e il 5,5% delle esportazioni del Bel Paese. La top 3 dei Paesi di destinazioni delle nostre vendite vede l’Europa al 1° posto (59,2%), l’Asia orientale e meridionale al 2° (13%) e l’America settentrionale al 3° (8,5%). I nostri primi clienti sono Germania, Stati Uniti e Cina (dati Istat 2014). Come importatori sono in aumento anche mercati come Messico, Thailandia, Turchia, Arabia Saudita e Polonia.

Le previsioni indicano che l’export di macchinari italiani crescerà del 5% l’anno fino al 2018, raggiungendo 90 miliardi di euro.

 

Il personale impiegato.

Il machinery cresce del 1% in Italia ed è un segmento che occupa 180.000 persone. I trend denotano anche un forte sviluppo nell’Est europeo (Repubblica Ceca, Slovenia, Slovacchia, Ungheria e Lituania), in Svizzera e in Germania.

Nel 2015 questo settore ha assunto 25.000 neolaureati provenienti principalmente dal Politecnico di Milano e Torino e dall’Università di Bologna.

Le figure più richieste sono:

  • Project Manager
  • Progettista
  • Lean Engineer
  • Business Developer
  • Neolaureati in ingegneria, da avviare a ruoli di responsabilità in ambito produttivo e tecnico

Nel 2015 circa il 5% dei professionisti ha cambiato azienda rispetto al 4% delle altre industries; le motivazioni sono state: crescita di carriera (72%), aumento della retribuzione (60%) e miglioramento in termini di work-life balance (50%).

Dopo anni difficili il machinery è sicuramente ripartito e sta puntando su innovazione, efficienza e linee di produzione più flessibili per rispondere alle esigenze di un mercato globale sempre più veloce ed in continuo cambiamento.

Contattate i nostri HR Consultant specializzati nell’ambito machinery. Cliccate qui.

Sei alla ricerca di talenti per la tua azienda? Contattaci

In Job continua ad essere
al tuo fianco
in totale sicurezza

Leggi di più