Logo header

La nostra conoscenza del machinery e i trend del settore

25 luglio 2016

Torna alla Lista
Data di pubblicazione: 25 luglio 2016

4.600 imprese iscritte a Federmacchine, 180.000 persone impiegate e un fatturato di quasi 37 miliardi di euro, questa la fotografia del settore machinery in Italia. Ma quali sono le tendenze economiche e i motivi principali per cui i professionisti cambiano lavoro?

Diamo una panoramica di settore.

Il machinery è un settore molto vasto che comprende aziende che si occupano della progettazione e realizzazione di macchine, impianti, componentistica e automotive. E’ sicuramente uno dei punti di forza della nostra economia nazionale, l’Italia infatti conta il 25% delle imprese europee anche se le dimensioni sono in media più piccole rispetto ai concorrenti del vecchio continente.

I nostri elementi distintivi sono sicuramente flessibilità, creatività, innovazione e un’assistenza tecnica e manutentiva di rilievo. Riusciamo a soddisfare le esigenze dei clienti a livello internazionale grazie ad elevati standard tecnologici e ad una forte propensione alla personalizzazione del prodotto.

 

Qualche numero.

4.600 aziende iscritte a Federmacchine, un fatturato di quasi 37 miliardi di euro pari al 2,3% del nostro PIL e un export che pesa il 71% oltre-confine e il 5,5% delle esportazioni del Bel Paese. La top 3 dei Paesi di destinazioni delle nostre vendite vede l’Europa al 1° posto (59,2%), l’Asia orientale e meridionale al 2° (13%) e l’America settentrionale al 3° (8,5%). I nostri primi clienti sono Germania, Stati Uniti e Cina (dati Istat 2014). Come importatori sono in aumento anche mercati come Messico, Thailandia, Turchia, Arabia Saudita e Polonia.

Le previsioni indicano che l’export di macchinari italiani crescerà del 5% l’anno fino al 2018, raggiungendo 90 miliardi di euro.

 

Il personale impiegato.

Il machinery cresce del 1% in Italia ed è un segmento che occupa 180.000 persone. I trend denotano anche un forte sviluppo nell’Est europeo (Repubblica Ceca, Slovenia, Slovacchia, Ungheria e Lituania), in Svizzera e in Germania.

Nel 2015 questo settore ha assunto 25.000 neolaureati provenienti principalmente dal Politecnico di Milano e Torino e dall’Università di Bologna.

Le figure più richieste sono:

  • Project Manager
  • Progettista
  • Lean Engineer
  • Business Developer
  • Neolaureati in ingegneria, da avviare a ruoli di responsabilità in ambito produttivo e tecnico

Nel 2015 circa il 5% dei professionisti ha cambiato azienda rispetto al 4% delle altre industries; le motivazioni sono state: crescita di carriera (72%), aumento della retribuzione (60%) e miglioramento in termini di work-life balance (50%).

Dopo anni difficili il machinery è sicuramente ripartito e sta puntando su innovazione, efficienza e linee di produzione più flessibili per rispondere alle esigenze di un mercato globale sempre più veloce ed in continuo cambiamento.

Contattate i nostri HR Consultant specializzati nell’ambito machinery. Cliccate qui.

Sei alla ricerca di talenti per la tua azienda? Contattaci

World Future Forum
Un affascinante viaggio a 360° nei nostri futuri possibili
Centro Congressi VeronaFiere
16-17 novembre 2019
Scopri di più