Logo header

Friends in the office

31 agosto 2017

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Professional Services
Brescia
Data di pubblicazione: 18/12/2018
In Job S.p.A. - Career Center di Brescia seleziona SAP SPECIALIST per azienda operante nel ...
Dettagli
Professional Services
Brescia
Data di pubblicazione: 18/12/2018
In Job Career Center di Brescia seleziona ESPERTO SAP per importante azienda produttiva lea...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 31 agosto 2017
Esistono molti articoli sull’amore nato tra le scrivanie, quello di cui si parla meno sono le amicizie nate in azienda. Per molti non è giusto mischiare lavoro e vita privata, anche quando si parla semplicemente di condividere un hobby, quindi preferiscono evitare rapporti extra-lavorativi coi colleghi. Per contro, molte grandi amicizie iniziano proprio al lavoro. Quali sono le due facce di una medaglia troppo dibattuta?

L’ufficio è uno dei luoghi in cui trascorriamo gran parte della giornata, quindi è molto importante che l’ambiente sia sereno e favorisca la coesione con i colleghi. In un ambiente simile, è ovvio che si creino dei rapporti molto stretti.

Spesso su internet si riservano lunghi articoli sull’amore nato in ufficio, ma sono in pochi quelli che trattano delle amicizie. Perché? 2 motivi principalmente:

Lo spreco di tempo

Quando due colleghi iniziano a chiacchierare, spesso, i responsabili della “vecchia guardia” credono che questo tolga tempo al business, perché mentre si parla non si lavora. Oppure perché, quando finisce l’orario lavorativo, ci si può trovare per occasioni più conviviali come un aperitivo. Queste situazioni si potrebbero prolungare fino a tarda notte, stancando eccessivamente i dipendenti che l’indomani arriverebbero in ufficio troppo stanchi per lavorare.

Può anche capitare che, nel caso di professionisti molto promettenti, chi sta ai vertici possa temere una fuga di personale di massa o per la creazione di un’azienda parallela.

Quando i membri del team iniziano a tessere rapporti extra-lavorativi di fiducia e socialità, questi non possono che portare ad una collaborazione più produttiva e serena anche sul luogo di lavoro.

Il cambio di lavoro

Quando si cambia lavoro, capita che si vogliano mantenere i rapporti con qualche ex-collega, ma che l’ex titolare forzi chi rimane in azienda a tagliare i ponti.

Questo capita nei casi in cui il vostro capo tema particolarmente la concorrenza e quindi tremi al solo pensiero per cui durante una pizza tra amici si arrivi a parlare del nuovissimo prodotto che deve ancora arrivare sul mercato.

Inoltre, quando uno dei due colleghi-amici cambia lavoro, nella mente del datore di lavoro, è matematico che l’altro lo segua e che quindi si perdano due risorse invece di una sola.

Quali sono invece i lati positivi che andrebbero sempre valutati?

Quando due persone che lavorano quotidianamente insieme, lo fanno in modo positivo e piacevole, questo li rende più produttivi e meno pessimisti.
Molti lavoratori hanno spesso qualcosa di cui lamentarsi, anche solo per potersi sfogare o chiedere consiglio. Non bisogna diventare dipendenti dall’altra persona, altrimenti la produttività di due persone sarà quella di una sola, ma cercare di cogliere quanto di buono c’è nell’altro.

Quando ci si sente demotivati, inoltre, capita di sentire il bisogno di “parlare con un amico”, la motivazione porta al massimo l’efficienza, quindi perché non far sì cha a dare motivazione siano proprio i vicini di scrivania?

Insomma: chi trova un collega può trovare un amico, chi trova un amico trova un tesoro, quindi perché non pensare a scambiare qualche battuta in più col tuo dirimpettaio?

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 70.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.