Logo header

Flexible Benefits: un’opportunità da sfruttare per dipendenti e imprese

01 agosto 2018

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Energy
Brescia
Data di pubblicazione: 22/10/2018
In Job SpA Career Center di Verona seleziona JUNIOR COMMERCIALE ENERGIE RINNOVABILI per mul...
Dettagli
Hospitality
Paderno d'Adda
Data di pubblicazione: 22/10/2018
In Job S.p.A. - Career center di Bergamo seleziona TECNICO COLORISTA per importante azienda...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 01 agosto 2018
I motivi che spingono una risorsa ad avviare, proseguire o terminare il proprio rapporto di lavoro con un’azienda possono essere molteplici. Nell’ambito del welfare aziendale, un’opportunità emergente sono i cosiddetti flexible benefits. Vediamo cosa sono e quali vantaggi offrono.

Un modello alternativo di remunerazione

Nati con lo scopo, tutt’altro che banale, di migliorare la vita privata e lavorativa dei dipendenti, i flexible benefits sono beni, prestazioni e servizi erogati dalle aziende in aggiunta alla retribuzione. Sono definiti flessibili in quanto il lavoratore riceve una sorta di “buono”, non monetario, spendibile a suo piacimento e discrezione presso un vasto catalogo di fornitori convenzionati.
Sostanzialmente, da un lato il dipendente vede aumentare il proprio potere d'acquisto dall'altro le aziende traggono vantaggi non indifferenti nell'utilizzo di tale sistema.

 

Un beneficio per tutti

Il fatto che i benefit non siano monetari comporta un abbattimento del cuneo fiscale. Il dipendente riceverà un budget di spesa privo di trattenute, grazie al quale potrà, ad esempio, acquistare beni materiali, iscriversi a corsi di formazione o sottoscrivere polizze sanitarie. 
Allo stesso tempo, l’azienda non dovrà corrispondere i contributi previdenziali su questa integrazione al reddito, risparmiando a sua volta.
Inoltre, la retribuzione flessibile può essere sia integrativa che parzialmente sostitutiva, quando va a coprire spese effettive del dipendente.

 

Una pratica poco diffusa

Alla luce dei vantaggi pratici, fiscali e motivazionali, sorprende come i flexible benefits siano ancora poco conosciuti in Italia. Secondo il Rapporto Welfare Index PMI 2017, il 70,2% delle imprese ignora la loro esistenza e, anche tra le imprese che li conoscono, solo l’1% dichiara di metterli attualmente a disposizione dei propri dipendenti.
Una situazione ancora più paradossale, se si considera che negli scorsi anni si è molto parlato di flexible benefits nell’ambito della contrattazione collettiva nazionale, proprio per sottolineare quanto rappresentino una forma di remunerazione a tutti gli effetti.
È, comunque, incoraggiante il fatto che un buon 8% delle imprese abbia affermato di voler prendere in considerazione questo strumento nel prossimo futuro.
Nel lungo periodo, infatti, i flexible benefits hanno un impatto positivo sulla motivazione dei dipendenti e sul loro senso di appartenenza giovando al clima aziendale.

Questo sistema di retribuzione flessibile si configura come una prospettiva positiva per ambedue le parti in causa portando ad un generale miglioramento dei rapporti di lavoro; una soluzione sulla quale investire per il benessere del lavoratore e dell'azienda stessa.

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 70.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.