fbpx

Career Plan

Diventare CSR Manager

In un mondo sempre più attento al futuro, a tematiche ambientali e di sviluppo sostenibile, le grandi aziende e le multinazionali rispondono con una nuova figura, il CSR Manager, dedicata alla responsabilità sociale d’impresa (corporate social responsibility). Un ruolo in crescita anche in Italia, sia come numero sia come autorevolezza.
Team inJob
Team inJob Autore

Di cosa di occupa il CSR Manager?

 

Aumentare la quota di energia rinnovabile utilizzata nel processo produttivo, diminuire il gas serra degli stabilimenti, costruire nuovi punti vendita ecosostenibili.

Sono questi alcuni dei grandi progetti su cui può essere impegnato il CSR Manager, anche attraverso budget importanti, relativi alla gestione e sviluppo del sistema ambientale dell’azienda.

La quotidianità riguarda poi attività di analisi dei fornitori in base a criteri socio-ambientali, la tutela delle pari opportunità, la difesa delle categorie svantaggiate, l’implementazione della sicurezza di prodotti e servizi, o la rendicontazione delle politiche di sostenibilità finalizzate ad aumentare il rating etico della società: una valutazione sempre più decisiva nelle scelte di consumatori, enti pubblici, organizzazioni e ovviamente di altre aziende.

Il profilo ideale?

Chi intende svolgere questa professione può non essere uno specialista di uno specifico settore, ma è indispensabile la capacità di interpretare a fondo la realtà aziendale per capire quegli interventi legati alla sostenibilità che possono impattare positivamente anche rispetto al business, in un percorso di aggiornamento continuo. La formazione di questa figura è dunque trasversale, con una prevalenza di curriculum di tipo economico.

Se inizialmente la maggioranza dei CSR manager è nata in azienda attraverso una crescita interna, specialmente dall’area marketing e comunicazione, l’evoluzione di questa professione ha portato le aziende a rivolgersi anche al mercato del lavoro. In questo senso oggi può essere strategico conseguire un master ad hoc.

Quanto si guadagna?

Le ricerche parlano di un inquadramento a livelli dirigenziali con una media di circa 80.000 euro lordi e una retribuzione sempre più collegata ai risultati ottenuti. Di fronte a una professione spesso nata in virtù di una spinta etica molto forte, la sfida del futuro passa attraverso l’incidenza delle politiche di sostenibilità nel business aziendale. Quanto più i CSR manager saranno bravi a far percepire questo valore, tanto più riusciranno a incrementare il proprio stipendio, aumentare la dimensione della propria struttura e seguire progetti altamente gratificanti.

Altri articoli che potrebbero interessarti