Logo header

Settore farmaceutico - parlano i nostri specialisti

29 settembre 2016

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Professional Services
Verona
Data di pubblicazione: 09/12/2016
In Job S.p.A – Career center di Verona seleziona IMPIEGATO AMMINISTRATIVO E FINANZIARIO  pe...
Dettagli
Retail
Brescia
Data di pubblicazione: 09/12/2016
In Job S.p.A. - Career Center di Brescia seleziona IMPIEGATO COMMERCIALE ITALIA per azie...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 29 settembre 2016
Intervista a Matteo Gatti ed Erica Ferrari, Branch Manager dei Career Center di Milano e Vicenza, esperti del mercato farmaceutico.

Quali sono le caratteristiche delle piazze del settore farmaceutico?

A Milano abbiamo grandi clienti storici con brand di successo, oltre a Piccole-Medie Imprese e uffici commerciali di multinazionali. Nella zona Nord - Ovest della metropoli si concentrano i principali siti produttivi di importanti gruppi farmaceutici.

In Veneto, secondo i dati Farmindustria, il settore occupa 3.000 addetti del farmaco e 7.000 nell’indotto. A Vicenza i player sono meno numerosi e noi serviamo principalmente: aziende chimiche (produzione di intermedi, intermedi avanzati e principi attivi), aziende del settore del packaging medicinale e imprese che si occupano della produzione di impianti. La parte legata all’ideazione, progettazione e realizzazione di queste macchine è molto importante per ottenere brevetti che li pongano in testa nella sfida con i competitor.

Questi due diversi scenari come caratterizzano il mercato del lavoro?

Milano è una città dinamica dove i professionisti si spostano più velocemente e sono facilitati dal gran numero di aziende, sempre alla ricerca dei migliori talenti. Le figure più ricercate sono quelle impiegatizie: esperti in farmacovigilanza, professionisti nella gestione delle normative e della qualità produttiva, ma la figura più richiesta è quella del Regulatory Affairs Specialist.
Per di più, investendo principalmente in Ricerca e Sviluppo per ottenere brevetti esclusivi, queste imprese sono sempre alla ricerca di tecnici di laboratorio.

Lo scenario vicentino è estremamente variabile anche e soprattutto per i diversi settori di riferimento; in linea generale è caratterizzato da una richiesta in costante crescita di figure tecniche e specializzate che possano portare know-how e valore aggiunto.

Per il settore farmaco-chimico si parla di candidature nell’area assicurazione qualità o R&D, per quanto riguarda l’indotto si tratta prevalentemente di project manager e di progettisti sia in ambito meccanico, elettrotecnico che dell’automazione


La peculiarità di questo campo è che ci sono due classi ben distinte di ruoli richiesti: figure junior, come neolaureati a cui affidare le attività di analisi; specialisti, che hanno già maturato anni di esperienza, che si occupino di affari regolatori e di investimenti nei processi per le linee di prodotto. Questi esperti hanno una retribuzione che si aggira tra i 50.000 e gli 80.000 euro l’anno.

Alcuni numeri possono chiarire la struttura dell’industria farmaceutica in Italia: si parla di 200 aziende che rappresentano il 90% del valore industriale del settore, 129.000 addetti (compreso l’indotto) di cui 6.200 in R&D: di questi il 52% sono donne.

C’è un punto in comune tra le aziende che caratterizzano le vostre aree?

Sicuramente! In entrambe le provincie, infatti, le aziende sono strettamente collegate con gli Atenei. Siamo ad un livello di interconnessione così alto che le stesse imprese spesso finanziano corsi di dottorato per avanzare nella ricerca e sviluppo, oltre a collaborare alla creazione di corsi ad hoc.

A parte i profili tecnici, cos’altro cercano le imprese?

Dopo la liberalizzazione dei farmaci generici, il mercato è entrato in una nuova fase di sviluppo. L’apertura di questo mercato e di nuovi canali distributivi ha richiesto l’individuazione di nuove figure commerciali. Questi professionisti dell’ambito Sales sono abituati a spostarsi e a trasferirsi, conoscono in maniera fluente la lingua inglese e rientrano indicativamente tra i 30 e i 40 anni di età. La conoscenza della normativa tecnica non solo italiana ma internazionale, gli permette di ragionare in un contesto più ampio. Infatti, questi specialisti non si spostano solamente tra i maggiori poli del farmaceutico italiano (Milano, Vicenza, Roma e tutta la Toscana), ma operano a livello globale.

 

L’integrazione tra i nostri Career Center a livello mondiale, la velocità di comunicazione e un network di esperti del settore farmaceutico ci permettono di garantire la selezione dei migliori profili per la crescita del tuo business.

Se desideri contattare i nostri specialisti per ricerche di personale nell’ambito Farmaceutico, clicca qui

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 65.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.