Logo header

I numeri delle Start Up italiane

13 aprile 2015

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Construction & Furniture
Tradate
Data di pubblicazione: 06/12/2016
In Job S.p.A.- Career Center di Milano seleziona   VERNICIATORE   per azienda operante ne...
Dettagli
Chemical & Pharmaceutical
Padova
Data di pubblicazione: 06/12/2016
In Job S.p.A.- Career Center di Padova seleziona MAGAZZINIERE per importante azienda client...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 13 aprile 2015
“Uno su mille ce la fa” cantava Gianni Morandi in un suo celebre pezzo, e lo stesso concetto si potrebbe applicare anche alle start up italiane. Perché se tutti possono avere un’idea vincente, solo in pochi hanno la capacità e la passione (e a volte il capitale) per sostenerla. Ma le realtà di successo esistono e alcuni numeri* cominciano ad essere interessanti.

Oltre 3.000 realtà.

Nello speciale Registro delle Imprese dedicato alle start up innovative sono iscritte 3.750 aziende con un incremento di circa il 50% rispetto all’anno scorso. Creative e stravaganti, serissime e super scientifiche, oppure nerd all’ennesima potenza. C’è davvero di tutto.

825 solo in Lombardia.

Dalle 157 della Sicilia alle 452 dell’Emilia Romagna fino alle 825 della Lombardia, si conferma il trend che vede il centro nord in netto vantaggio, con una presenza accentuata nei grandi centri come Milano, Roma e Torino. Al sud, Napoli e la Campania sembrano avere una buona vitalità con 218 realtà.

L’80% nel settore dei servizi.

A seguire industria/artigianato e commercio, con una netta prevalenza di realtà che operano nel mondo digitale. Energie rinnovabili, life sciences e turismo tra i comparti più in crescita.

Il 25% ha meno di trent’anni.

Se le start up innovative sono in media giovanissime (meno di 2 anni), gli startupper italiani non sono proprio dei ragazzini. La fascia più consistente ha più di 40 anni, sono quasi sempre laureati e nella stragrande maggioranza sono uomini. Le donne sono appena il 15%, forse perché meno propense al rischio?

118 milioni di euro.

Investiti nel 2014 nelle start up hi-tech italiane da fonti istituzionali e privati tra cui acceleratori, business angel, family office, incubatori. Budget importanti anche se ancora molto al di sotto delle cifre finanziate in Francia, Germania, UK e persino in Spagna. E non mancano ovviamente le exit di successo come la Octo Telematics (soluzioni evolute per l’assicurazione delle auto) acquistata da una holding russa per 555 milioni.

Se anche voi avete in mente una nuova start up, tenete d’occhio il bando Smart & Start del Ministero dello Sviluppo Economico!

*Fonti: rapporto The Italian Startup Ecosystem: Who’s Who; registroimprese.it del Ministero dello Sviluppo Economico.

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 65.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.