Logo header

Il futuro dei Senior Manager

24 marzo 2015

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Construction & Furniture
Buccinasco
Data di pubblicazione: 02/12/2016
In Job S.p.A.- Career Center di Milano seleziona PROGETTISTA ELETTRONICO   Mansioni Prog...
Dettagli
Machinery
Carrara
Data di pubblicazione: 02/12/2016
In Job S.p.A.- Career Center di Milano seleziona un ASSISTENTE TECNICO DI CANTIERE Mansioni ...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 24 marzo 2015
Nel 2020 gli ultra cinquantenni saranno quasi il 25% della forza lavoro nelle aziende*. Una cifra record conseguente all’andamento demografico e a un progressivo innalzamento dell’età pensionistica. Ma quali sono le recenti dinamiche aziendali che riguardano i manager cosiddetti “maturi”?

Occupazione. L’esperienza conta.

Se in Italia i giovani neo-laureati fanno molta fatica a trovare lavoro, i dati sull’occupazione dei manager over 50 sono decisamente migliori.

Questo perché, in tempo di crisi, le aziende preferiscono non rischiare su talenti inesperti ma affidarsi a una professionalità sicura e già formata.

Inoltre, sempre in relazione ai problemi dell’attuale periodo economico, i manager maturi sono diventati più flessibili sia in termini di ruolo sia a livello di retribuzione.

Meno web-oriented ma più concreti.

Esistono settori e ruoli manageriali specifici dove sicuramente l’evoluzione del digitale ha creato diversi problemi ai senior manager. Ma è anche vero che questo gap tecnologico si sta via via colmando ed esistono tanti settori e profili dove il “vecchio approccio” fatto di relazioni, conoscenza del territorio, spirito pratico e concreto è ancora il metodo più efficace per battere la concorrenza. 

Politiche di Age Management. Tante aree di miglioramento.

Di fronte a una crescente importanza della quota di manager over 50, le aziende faticano ancora a trovare un approccio condiviso per valorizzare questo tipo di risorse.

Nel 2014, Fondazione Sodalitas, AIDP (Associazione Italiana per la Direzione del Personale) e Università Cattolica del Sacro Cuore, hanno chiesto agli HR Manager di 150 imprese con più di 250 dipendenti una descrizione e un parere sulle politiche di Age Management messe in piedi dalla propria azienda. Il risultato è che solo 1 azienda su 4 si occupa in modo sistematico di questo tipo di politiche, concentrandosi inoltre solo su aspetti relativi alla salute e al benessere.

Eppure le aree di intervento sono molteplici: ricambio generazionale, outplacement, mobilità interna e sviluppo di carriera, benefit e incentivi, training, percorsi di selezione. È bene che le società comincino a considerare tutti questi aspetti. Oggi più che mai, il futuro di una azienda, passa dalla soddisfazione delle sue risorse più mature!

 *Dati dell’Employers Forum on Age

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 65.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.