Logo header

Manager in gravidanza? 4 consigli per affrontare 9 mesi alla grande

29 settembre 2016

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Construction & Furniture
Tradate
Data di pubblicazione: 06/12/2016
In Job S.p.A.- Career Center di Milano seleziona   VERNICIATORE   per azienda operante ne...
Dettagli
Chemical & Pharmaceutical
Padova
Data di pubblicazione: 06/12/2016
In Job S.p.A.- Career Center di Padova seleziona MAGAZZINIERE per importante azienda client...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 29 settembre 2016
Il fatidico momento è arrivato. Sei in dolce attesa. E dopo i primi giorni di forte emozione, ecco che iniziano i primi dubbi in ambito lavorativo. Come informare il capo e i colleghi? Quando è il momento giusto? Come conciliare in questi mesi la pancia che cresce con il tuo ruolo di manager? Quali sono i tuoi diritti? Ecco un piccolo vademecum per trascorrere la gravidanza senza troppe preoccupazioni.

Ristabilisci le tue priorità

Se fino a questo momento hai messo al centro della tua vita il lavoro, oggi è tempo di riequilibrare la bilancia. La gravidanza è un evento meraviglioso e devi goderti questi 9 mesi al meglio, sia per te che per la salute del tuo bambino. Questo non significa lavorare con meno entusiasmo, ma dosare le tue forze sapendo che in questi mesi, al primo posto, c’è la tua famiglia.

 

Informa per tempo il CEO

I timori di informare il proprio capo spesso sono infondati. L’importante è affrontare per tempo l’evento, comunicando la gravidanza almeno entro i primi 3/4 mesi, così da anticipare le voci di corridoio ed avere il tempo di pianificare insieme una strategia. Evita le mail e chiedi un incontro informale vis à vis. Anche se non riguarda l’acquisizione di un nuovo cliente, quella che stai per dare è pur sempre una bellissima notizia.

 

Delega di più

Informa i tuoi collaboratori e discuti insieme a loro come organizzarsi in vista della tua assenza. In questi mesi potresti essere più distratta o più fragile, e delegare maggiormente alcune delle tue funzioni potrebbe essere un buon modo per evitare giornate troppo stressanti, preparando i tuoi collaboratori ad avere più responsabilità.

 

Conosci i tuoi diritti

Anche se sei una figura fondamentale per la tua azienda, quest’ultima dovrà fare a meno di te, almeno per 5 mesi. Il periodo obbligatorio di astensione dal lavoro va dai 2 mesi antecedenti la data presunta del parto ai 3 mesi successivi al giorno effettivo della nascita del bambino, e durante questo periodo lo stipendio è pari a circa l’80% della retribuzione. Informati bene su tutti i dettagli del congedo di maternità.

 

Accudire un bambino aiuta anche a prendersi cura del business. Anche tu, come donna manager, non puoi che avere una capacità di organizzazione super!

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 65.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.