Logo header

Diventare Change Manager

15 settembre 2014

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Construction & Furniture
Vicenza
Data di pubblicazione: 07/12/2016
In Job spa - Career Center di Vicenza seleziona TECNICO INSTALLATORE AUTOMATISMI PER CANCELLI ...
Dettagli
Machinery
Brescia
Data di pubblicazione: 07/12/2016
In Job S.p.A. - Career Center di Brescia seleziona ASSISTENTE AMMINISTRATIVO per azienda op...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 15 settembre 2014
Alla scoperta di una figura rara in Italia, ma di cui le nostre imprese avrebbero estremo bisogno.

Informatizzare le procedure, ripensare i reparti aziendali, traghettare la rete commerciale verso il digitale, innovare i propri prodotti e servizi in un’ottica web. Sono tante le sfide che le imprese di oggi devono affrontare per adeguare i processi interni, la propria struttura e il proprio modello di business in relazione allo sviluppo delle nuove tecnologie.

Ristrutturazioni importanti e profonde che troppo spesso vengono discusse, decise e organizzate dai vertici aziendali senza il necessario coinvolgimento del middle management, della forza vendita e in generale di tutta la struttura.

Proprio per questo, nel mondo anglosassone, il change manager officer rappresenta già da tempo una risorsa indispensabile e strategica per gestire e condividere il cambiamento su tutti i livelli, garantendo comunicazione e coerenza, e aiutando l’intera azienda a comprendere quale direzione seguire, come superare gli ostacoli e in che modo cogliere le opportunità.

Dove lavora il change manager?

Realtà di grandi dimensioni possono aver bisogno di un change manager a tempo pieno interno all’azienda, ma nella maggioranza dei casi questa figura lavora presso una società di consulenza gestendo ogni anno numerosi progetti per differenti clienti.

 

Che competenze deve possedere e qual è il percorso formativo ideale?

Il change manager oltre a conoscere alla perfezione i processi e i meccanismi delle imprese tradizionali, deve avere esperto nelle dinamiche della new economy ed essere dotato di un’ottima capacità comunicativa per interfacciarsi e mediare tra tanti soggetti diversi.

Per competenze così trasversali, anche il percorso di studi di un change manager può essere molto vario, ma in generale la laurea in economia è ritenuta un must, magari accompagnata da una specializzazione in gestione delle risorse o in organizzazione aziendale.

In Italia sono ancora poche le aziende ad essere consapevoli dell’esistenza di questa figura, ma i pochi specialisti presenti nel nostro paese riescono ad avere ottime opportunità di carriera e di stipendio.

Una ristrutturazione aziendale può costare infatti milioni di euro ed è facile pensare che il change manager possa guadagnare cifre importanti. Parte del successo dell’operazione dipende proprio dalle sue capacità.

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 65.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.