Logo header

Dimmi come ragioni e ti dirò che manager sei

07 marzo 2016

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Construction & Furniture
Tradate
Data di pubblicazione: 06/12/2016
In Job S.p.A.- Career Center di Milano seleziona   VERNICIATORE   per azienda operante ne...
Dettagli
Chemical & Pharmaceutical
Padova
Data di pubblicazione: 06/12/2016
In Job S.p.A.- Career Center di Padova seleziona MAGAZZINIERE per importante azienda client...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 07 marzo 2016
Al di là del tuo ruolo, oltre le tue competenze, e più della tua personalità, esiste un altro fondamentale parametro per capire che tipo di manager sei. Ed è il tuo modo di pensare. Qualcosa di molto profondo, difficile da cambiare, ma importantissimo per conoscersi meglio, migliorare le proprie performance e quelle del proprio team attraverso l’unione di profili diversi. Non ci sono buoni né cattivi. Ogni “profilo di pensiero” può essere un tassello importante per il successo di un progetto e di una azienda.

Idee, processi, azioni, relazioni. Cosa ti interessa di più?

Quando ti svegli all’alba di una nuova giornata lavorativa, dove va il tuo primo pensiero? Alle persone che devi incontrare? Ai problemi che devi risolvere? Alla pianificazione che devi attuare o alle azioni da mettere in atto? Ovviamente, ogni giornata è diversa dall’altra ed è fatta di tanti impegni diversi, ma esistono mansioni a cui sei naturalmente attratto. Prova a capire quali sono le tue principali inclinazioni, anche confrontandoti con quelle dei tuoi collaboratori o superiori.

Micro o macro. Ti interessa di più la visione globale o i dettagli?

Dopo aver chiarito quali sono gli aspetti lavorativi che più catturano la tua attenzione, è importante capire se sei più interessato alle questioni in termini macro o micro. Se ami soffermarti sui dettagli o ti piace analizzare il quadro generale. Se ad esempio nelle riunioni ti lamenti spesso come queste siano troppo generiche, significa che propendi più per gli aspetti micro. Viceversa, se rimproveri ai tuoi capi di “vivere troppo alla giornata” probabilmente sei un manager che ragiona in termini macro.

Ecco il tuo profilo di pensiero.

Sei hai risposto alle due domande precedenti, ora sei in grado di stabilire a grandi linee il tuo profilo di pensiero da manager, analizzando la tabella qui di seguito.
 

MACRO

Esploratore

 Planner

Carismatico

Comunicatore

MICRO

Esperto

Ottimizzatore

Producer

Coach

 

IDEE

PROCESSI

AZIONI

RELAZIONI



Sull’area Macro, gli esploratori pensano soprattutto a generare nuove idee creative; i planner ragionano su come far funzionare i vari sistemi; i carismatici si impegnano al massimo nel motivare le persone all’azione; mentre i comunicatori costruiscono e rafforzano le relazioni. Sull’area Micro, gli esperti si focalizzano sugli obiettivi e gli insight;  gli ottimizzatori cercano di migliorare la produttività e l’efficienza di un progetto; i producer vivono rispondendo alle urgenze del momento; mentre i coach cercano di aumentare il potenziale delle persone che lavorano con loro.

Ognuno di noi può essere ovviamente un mix di questi profili, ma è importante stabilire quello più rilevante, anche per comporre team equilibrati che abbiano elementi con caratteristiche diverse.

Il modo di pensare del singolo diventa così una risorsa per tutti, perché ogni progetto e ogni questione sarà affrontata sotto tutti i punto di vista!

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 65.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.