Logo header

Come diventare sviluppatore di app

15 marzo 2017

Torna alla lista

Posizioni di lavoro aperte per:

Machinery
Sant'Ambrogio di Valpolicella
Data di pubblicazione: 24/11/2017
In Job SpA - Career Center di Verona seleziona un ADDETTO AL MONTAGGIO MECCANICO per aziend...
Dettagli
Energy
Palazzolo sull'Oglio
Data di pubblicazione: 24/11/2017
In Job S.p.A - Career Center di Brescia seleziona ACCOUNT COMMERCIALE per azienda operante ...
Dettagli
Vedi tutti
Data di pubblicazione: 15 marzo 2017
Gli app developer sono tra le figure più ricercate del mercato ICT. Il motivo è semplice: sempre più persone, in Italia e nel mondo, utilizzano gli smartphone e le applicazioni mobile per usufruire dei prodotti e dei servizi delle aziende. Specializzarsi in questo ambito non è facile, ma chi ci riesce ha le porte spalancate.

Il mobile in Italia

Secondo una statistica del 2016 (Digital 2016 - We Are Social), in Italia ci sono oltre 28 milioni di smartphone. Su una popolazione del web di 37 milioni di utilizzatori, sono sempre di più quelli che accedono a internet tramite mobile (+5%) grazie a device sempre più performanti,  siti web ogni giorno più responsive e a un crescente utilizzo delle app che vengono lanciate ogni anno sul mercato. Le aziende italiane sono a caccia di programmatori iOS e Android, eppure gli specialisti scarseggiano. Perché?

 

Nativi digitali con una marcia in più

Oggi, per un over 40 non è semplice riconvertirsi al mobile. Abituati a muoversi su ambienti complessi e forse più tradizionali, fanno fatica ad adattarsi a progetti più rapidi dove si utilizzano componenti già sviluppate e open source. Chi è un nativo digitale ha un vantaggio importante in termini di mentalità e attitudine. Magari a 25 anni ha già avuto la sua start up per seguire un progetto personale ed ora si muove come freelance tra Londra e New York. Per le aziende, la sfida è individuare questi giovanissimi di talento, o attivare al proprio interno un percorso di formazione per motivare gli sviluppatori over 40.

 

Autodidatti e non solo

Tra tutorial e free software, in rete non mancano gli strumenti per giocare con il codice e imparare il mestiere, mentre l’università accusa un ritardo importante: ancora in Italia manca una formazione universitaria specifica per questo tipo di professione. È dunque consigliabile conseguire un titolo di studio in  dell'Information Technology – come Informatica, Ingegneria Informatica, Elettronica delle Telecomunicazioni – per poi specializzarsi con un master specifico.

Esistono inoltre corsi erogati da privati ed enti pubblici disponibili anche per chi è in possesso solo del diploma di scuola superiore, ma la laurea può fornire lo sprint giusto per una carriera di successo nel lungo periodo.

 

Quali competenze

Oltre a conoscere le due piattaforme iOS e Android, è importante approfondire uno o più linguaggi di programmazione, come Java, C++ o SQL. Siccome non basterebbe una vita per conoscerli tutti, il consiglio è sempre quello di specializzarsi diventando il numero uno di specifici linguaggi e poi acquisire esperienza riguardo la visione globale del progetto, per collaborare insieme a grafici, account, project manager e sistemisti.

Per chi riesce a seguire questo percorso come sviluppatore di app, le opportunità di carriera sono notevoli e di conseguenza anche la retribuzione sarà interessante, in Italia e all’estero.

Affidaci la selezione dei tuoi talenti per la tua azienda

Un network di 70.000 professionisti: i nostri HR Consultant troveranno le risorse più adatte alla tua azienda per raggiungere successi reali.